Esiti cicatriziali

Esiti cicatriziali

Trattamento esiti cicatriziali

Sempre più frequentemente, veniamo a conoscenza di persone che si affidano a mani esperte per camuffare gli esiti cicatriziali derivanti dalla chirurgia o in seguito ad incidenti stradali.

Ma è possibile eliminarle? Se si come?

Con la Tricopigmentazione, termine che deriva dal greco “trichòs” = capello, pelo.

Ma in cosa consiste?

Grazie a questa tecnica è possibile far sparire quelle fastidiose cicatrici dovute a un trapianto chirurgico post incidente. Ecco quindi che entra in gioco la figura del tricopigmentista che, con appositi aghi e metodiche, va a trattare (con precisione millimetrica) la cicatrice grazie all’introduzione di particelle colorate insolubili, Bio compatibili e Bio riassorbibili.

Sembra un tatuaggio ma in realtà è un trattamento indolore che viene applicato in 3 sedute distanziate l’una dall’altra. L’obiettivo è quello di ricreare l’illusione ottica dell’effetto rasato andando a coprire totalmente l’esito cicatriziale. Una volta l’anno va eseguito un richiamo per ripristinare i pigmenti nel derma in seguito alla crescita dei capelli.

Le cicatrici poi saranno solo un lontano ricordo.

Condivi:
Cos’è la Dermopigmentazione?

Cos’è la Dermopigmentazione?

Cos’è la Dermopigmentazione?

Credete che i canoni di bellezza siano immutabili nel tempo? Non è così.

Anche il mondo della bellezza, dal punto di vista estetico, subisce cambiamenti e vira seguendo le dinamiche sociali. Basta guardarsi indietro per capire come oggi ci sia un qualcosa di profondamente diverso rispetto al passato.

La domanda per trattamenti di bellezza è in continua crescita, conseguenza di alcuni cambiamenti a livello sociale: oggi i tempi sono molto più frenetici, quasi ossessivi, le donne non hanno molto tempo da dedicare alla preparazione, non da meno è l’irruzione degli uomini in questo mercato. Se un tempo l’universo maschile era al di fuori da questo mondo, oggi sono proprio gli uomini a rappresentare un grande bacino di utenza per i servizi estetici.

Si tratta di medicina estetica, un approccio meno invasivo rispetto ai tradizionali interventi chirurgici che prevedono l’utilizzo di bisturi. Per apparire al meglio della propria bellezza non occorre un bisturi tagliente, oggi lo si può fare con strumenti più moderni.

Qualche esempio? Tra i trattamenti più richiesti sul mercato, c’è quello della Dermopigmentazione. Chiamato anche Micropigmentazione, è un trattamento rivoluzionario che permette di migliorare e valorizzare il proprio aspetto correggendo inestetismi e asimmetrie. Può essere sia di natura Estetica che Paramedica. Si può applicare in vari campi a titolo ricostruttivo, o correttivo.

Molti confondono questa tecnica con quella del tattoo artistico, che invece ha esclusivamente una finalità decorativa, e non migliorativa nell’estetica personale. La Dermopigmentazione invece, ha come obiettivo primario migliorare l’aspetto della persona, andando a valorizzare ciò che verrà trattato in maniera estremamente naturale.

Uno dei trattamenti più conosciuti quando si parla di Dermopigmentazione è quello applicato sull’arcata sopraccigliare! In questo caso si procede a ricostruire lo strato più superficiale del derma, andando a intervenire sulle parti mancanti o sulle imperfezioni. Solitamente questa è una soluzione ideale per chi ha sopracciglia rade e con una forma irregolare, o per chi vuole semplicemente andare a valorizzare e migliorare il proprio viso.

Chi di voi truccandosi non va a ritoccare con la matita la propria arcata? Sfido chiunque! Nella maggior parte dei casi però si commettono degli errori che peggiorano la situazione, donando alle sopracciglia un aspetto innaturale.

Molte di voi si chiederanno perché sottoporsi a tale trattamento?

Le sopracciglia sono la cornice degli occhi. Contribuiscono a migliorare l’intensità dello sguardo, ed è estremamente importante che ogni viso, abbia la giusta forma, il giusto spessore, simmetria e colore. Un cambiamento anche di pochi millimetri delle sopracciglia può realizzare espressioni sorprese, tristi, cattive, buone. Il nostro viso parla più esplicitamente di quanto facciano le nostre parole.

Quali sono i vantaggi?

Coprire eventuali imperfezioni delle sopracciglia per un determinato periodo di tempo, senza dover ritoccare quotidianamente il trucco. Questa tecnica prevede l’inserimento di pigmenti di colore sottopelle, nei primi strati del derma, così da durare per diversi mesi, dai 12 ai 18.

È bene tenere a mente che dopo la prima seduta, il trattamento deve essere ripreso a carenza periodica, solitamente su base annuale.

È fondamentale rivolgersi a un esperto del settore per non incorrere in spiacevoli risultati quali il viraggio di colore, aloni, alterazione della mimica di base e non solo!

La finalità di questo trattamento?

Non solo migliorare l’aspetto esteriore, ma intervenire sul benessere psichico della persona.

Condivi: