Esiti cicatriziali

Esiti cicatriziali

Trattamento esiti cicatriziali

Sempre più frequentemente, veniamo a conoscenza di persone che si affidano a mani esperte per camuffare gli esiti cicatriziali derivanti dalla chirurgia o in seguito ad incidenti stradali.

Ma è possibile eliminarle? Se si come?

Con la Tricopigmentazione, termine che deriva dal greco “trichòs” = capello, pelo.

Ma in cosa consiste?

Grazie a questa tecnica è possibile far sparire quelle fastidiose cicatrici dovute a un trapianto chirurgico post incidente. Ecco quindi che entra in gioco la figura del tricopigmentista che, con appositi aghi e metodiche, va a trattare (con precisione millimetrica) la cicatrice grazie all’introduzione di particelle colorate insolubili, Bio compatibili e Bio riassorbibili.

Sembra un tatuaggio ma in realtà è un trattamento indolore che viene applicato in 3 sedute distanziate l’una dall’altra. L’obiettivo è quello di ricreare l’illusione ottica dell’effetto rasato andando a coprire totalmente l’esito cicatriziale. Una volta l’anno va eseguito un richiamo per ripristinare i pigmenti nel derma in seguito alla crescita dei capelli.

Le cicatrici poi saranno solo un lontano ricordo.

Condivi:
Micropigmentazione paramedicale areola

Micropigmentazione paramedicale areola

Cancro al seno: la micropigmentazione dell’areola mammaria

L’asportazione della mammella per la rimozione di un cancro per una Donna,rappresenta un cambiamento difficile da accettare,non solo dal punto di vista fisico, ma anche psicologico.

Il mondo medico e quello estetico si sono avvicinati, con lo scopo di trovare una soluzione che permetta di ridonare un sorriso e sicurezza all’immagine delle donne che si sono sottoposte a una mastectomia. Una risposta è data dalla micropigmentazione paramedicale areola che può fornire delle soluzioni valide e complementari alla medicina.

Come intervenire dopo una rimozione del tumore al seno?

Nel caso di intervento di mastectomia tumorale, il tecnico specializzato può eseguire una ricostruzione totale o parziale del complesso areola-capezzolo. Sono necessarie grandi abilità tecniche ed esperienza per ristabilire ordine e per donare un aspetto naturale al risultato. Nuove strumentazioni e tecniche permettono la realizzazione di trattamenti con effetto tridimensionale.

La micropigmentazione paramedicale è ideale anche per la correzione di discromie e asimmetrie e per aree iper- o ipopigmentate.

Condivi:
Tricopigmentazione

Tricopigmentazione

La tricopigmentazione

Quando si tratta di calvizie, alopecia o diradamento, un ‘alternativa al trapianto dei capelli è la Tricopigmentazione. Grazie alla presenza di strumenti (i dermografi), la tricopigmentazione è in grado di riprodurre la presenza realistica del capello. In pochi secondi è possibile ottenere due tipologie di effetti. Il primo è l’effetto rasato e il secondo è l’effetto: in questo caso la tricopigmentazione tenderà ad esaminare o ridurre la visibilità del cuoio capelluto infoltendo i capelli già presenti. Questa è un’ottima soluzione non solo per uomini ma anche per donne. La tricopigmentazione, inoltre, offre di affrontare gli interventi chirurgici favorendo un ottimo effetto oltre che risultato.
Condivi:
Skin Needling

Skin Needling

Skin Needling

Come può un trattamento estetico divenire virale grazie ai social?
è successo grazie a una foto postata da una star su Instagram, che mostra i segni lasciati sul viso dai micro aghi. L’interesse che ha generato l’immagine, ha suscitato curiosità nei confronti di questa metodica.  Nello specifico Skin needling è una nuova tecnica di lifting senza bisturi, molto utilizzata in medicina estetica, ideale per il trattamento del ringiovanimento della pelle del viso, adatta anche per la correzione di rughe, di cicatrici causate da acne e ferite, o per segni post trapianto.  Un nuovo metodo che negli Stati Uniti sta ottenendo molto successo sia in termini di pubblico che di risultati, caratterizzato dalla stimolazione del derma mediante un’apposita tecnologia che consente di effettuare micro punturine senza sentire dolore. Quando ci feriamo e la ferita sanguina, il nostro organismo mette in funzione una serie di processi finalizzati all’ immediata riparazione della pelle.
Sono proprio questi meccanismi di riparazione che chiamano in causa anche enzimi e proteine, ad essere alla base del microneedling. I risultati sono visibili già dopo il primo trattamento, anche se sono consigliabili altre sedute.
Condivi: